Chambres d'hotes Cote d'azur autrement

La nostra selezione dei migliori bed and brekfast di charme in Costa Azzurra

Il paesino di Biot, offre ai visitatori la possibilità di integrarsi alla vita artistica del villaggio e ripartirne con un bagaglio di scoperte originali.. Una ventina di artisti locali vi accolgono nei loro atelier per mostrarvi le loro creazioni e insegnarvi la loro arte.

Si propongono corsi, per grandi e piccoli, individuali o in gruppo, di differente durata e molteplici temi :

Soffiare il vetro con le bolle, caratteristica che rende Biot famoso nel mondo

Dipingenge o scolpire

Creare un gioiello, una candela, un oggetto in ceramica

I segreti della fotografia

Cucinare piatti tipici provenzale

Recitare

Illustrare

Sarete,piacevolmente, sorpresi di lasciare Biot con la senzazione di essere,anche voi, un po' artisti.

Che meraviglia ripartire de Biot con qualcosa che ci ha affascinato e che abbiamo potuto riproduire noi stessi

La villa Ephrussi de Rothscild è una delle dimore più belle della Costa Azzurra testimone del fasto dei miliardari che durante la Belle Epoque hanno dato vita alla Riviera

Situata sul promontorio di Saint-Jean-Cap-Ferrat, domina da un lato la baia di Beaulieu e dall’altro la rada di Villefranche.
La Villa, di color rosa, fu stata fatta costruire dall’eccentrica baronessa Béatrice Ephrussi de Rothschild nel 1905 e riprende lo stile dei palazzi rinascimentali italiani.

All’interno gli ambienti sono riccamente arredati con mobili,  arazzi Gobellins, orologi, tappeti, tele di grandi maestri e ci si puo’ ammirare una delle piu’ importanti collezioni di porcellane di Sevres e  Vincennes.

Senz’altro la parte più spettacolare é costituita dai nove giardini che circondano la villa e si affaciano sul mare in un succedersi di tematiche diverse: da quello francese al fiorentino, dallo spagnolo al giapponese, dall’esotico al provenzale, dal lapidario al giardino di Sevres. Ornati di cascate, colonne, alberi di specie rare, aiuole fiorite, capitelli, fontane, specchi d’acqua

Un capitolo a parte lo merita il roseto con le sue 100 varietà di rose che ospita dal 6 all’ 8 maggio “la festa della rosa”.

Da non perdere le fontane a ritmo di musica del giardino francese!

Spesso si dimentica che la Costa Azzurra é molto bella anche d’ inverno !

Le spiagge deserte sono un invito alle passeggiate e la limpidezza dell’aria riflette quella luce speciale che ha ispirato i pittori più famosi ( Picasso, Bonnard, Leger….).

D’altronde, il turismo sulla Costa Azzurra comincia nel XIX secolo con l’arrivo dei Lord inglesi che ci si fermavano non oltre maggio, cosi’ come gli scrittori da Maupassant a Somerset Maugham. Come nel passato anche oggi si puo’ godere di questo melange unico di mitezza invernale e charme retro.
Sulla strada panoramica dell’Esterele o nel massiccio di Tanneron, tra gennaio e marzo si possono ammirare le mimose in fiore, dette anche « sole d’inverno ».

La via della mimosa é uno spettacolo d’incanto, odori e colori : un percorso giallo e profumato che si estende da Mandelieu a Grasse, passando per Tanneron e Pegomas.

Côte d''Azur Autrement vi propone una selezione di 17 bed and brakfast, dall’atmosfra conviviale, dove poter trascorrere un indimenticabile soggiorno alla scoperta della Costa azzurra.

La famosa strada della corniche d’oro, che serpeggia lungo il mare tra Cannes e Saint Raphael, é stata costruita all’inizio del XX secolo su iniziativa dal Touring Club ed é, senza alcun dubbio, una delle più belle di Francia.

Il rosso della roccia e il blu intenso del Mediterraneo offrono un panorama spettacolare sopratutto nei giorni  di maestrale.

I 20km più belli, tra Trayas e Theule, sono classificati monumento storico del patrimoinio francese.

Nascoste tra scogliere e insenature, ma facilmente raggiungiçbili dalla strada, si trovano spiagge poco frequentate  dall’acqua trasparente

 Con 45 km di sentieri pedonali, 100 km di piste ciclabili e 100 km di sentieri equestri, il massiccio dell’Eterel é un paradiso per gli escursionisti.

Scendendo verso il mare si passa per il famoso villaggio di Saint Paul de Vence, ormai invaso da botteghe con articoli banali, ma la strada che serpeggia le mure é molto piacevole.

La fondazione Maeght é, sicuramente, uno dei musei da non perdere sulla Costa Azzurra ; raccoglie una delle più grandi collezioni private di Miro’ e un interessante numero di opere di arte contemporanea

FaLang translation system by Faboba